50 e oltre
La Galleria Cortina
1962-2013
50 e oltre
La Galleria Cortina - 1962-2013
Georges Mathieu
Georges Mathieu
Georges Mathieu

Georges Mathieu nasce nel 1921 a Boulogne sur Mer, nella regione francese del Nord-Passo di Calais.

Studia diritto e filosofia e discute la tesi in lingua inglese, che dopo la guerra gli permetterà di lavorare a Parigi come responsabile delle pubbliche relazioni per la compagnia marittima americana U.S. Lines.

Nel 1944 comincia a dipingere quadri non figurativi, caratterizzati da uno stile astratto libero e gestuale. Espone per la prima volta nel 1946, al sesto Salon des moins de 30 ans, presso la Galerie des Beaux-Arts di Parigi, mentre tiene la sua prima personale nel 1950 alla Galerie René Drouin.

Georges Mathieu al lavoro su una delle sue opere
Georges Mathieu al lavoro su una delle sue opere.
Georges Mathieu al lavoro su una delle sue opere
Georges Mathieu al lavoro su una delle sue opere.

Dal 1947 si fa notare per la sua tecnica compositiva, che prevede la realizzazione delle opere applicando il colore direttamente dal tubetto.

In quegli stessi anni si pone come paladino dell'Abstraction Lyrique, in favore di cui organizza diverse mostre. Tale movimento artistico si caratterizza come un’astrazione gestuale, informale o tachiste, che mira a mettere in primo piano i fenomeni puramente pittorici. Il colore è spesso applicato sulla tela in modo irregolare e diventa centrale il coinvolgimento corporeo nella realizzazione.

È il primo ad imporre la gestualità all'interno della Scuola di Parigi, influenzando così l’arte di Jean Fautrier, Hans Hartung, Wols, Pierre Soulages, ma anche dei pittori della Scuola di New York, in un momento in cui gli scambi tra le due capitali erano inesistenti. È proprio grazie ai suoi collegamenti con l’arte statunitense (in particolare con l’Action Painting e con l’Espressionismo Astratto) che Mathieu diventa un artista di fama internazionale, figurando con le sue opere in importanti collezioni pubbliche e private.

Georges mathieu - Long Live the Cornificians, 1951
Georges mathieu - "Long Live the Cornificians", 1951.
Georges Mathieu - Le seuil monotone, 1986, olio su tela, 100x81,5 cm
Georges Mathieu - "Le seuil monotone", 1986, olio su tela, 100x81,5 cm.

Negli anni ’50 è uno degli artisti di punta del movimento informale del critico Michel Tapié, insieme al quale ,nel 1951, organizza la mostra Ve'he'mences confronte'es in cui espone egli stesso e che mette in evidenza le estreme tendenze della pittura non figurativa. L’anno seguente pubblica il libro “Un art autre”. Tra gli anni ’50 e ’60 è forse l’artista francese più rinomato all’estero.

Sono note le se sue performances in pubblico dove l’esecuzione dell’opera avviene in presa diretta, come fosse una “battaglia” con materia e colore.

Georges Mathieu - Le seuil monotone, 1986, olio su tela, 100x81,5 cm
Georges Mathieu - "Le seuil monotone", 1986, olio su tela, 100x81,5 cm.

La sua ricerca artistica si estese anche all’architettura, agli oggetti di uso quotidiano e alla pubblicità. Così tra le sue creazioni, oltre ai dipinti, figurano anche: una moneta di 10 franchi rimasta celebre, diversi loghi, francobolli, il progetto di una fabbrica a Fontenay le Comte, manifesti per Air France.

Una delle sue ultime mostre personali è avvenuta a Milano presso la Fondazione del Credito Valtellinese al Palazzo delle Stelline nel 2003.

Muore nel 2012 in Francia all’età di 91 anni.



Testo tratto da:
50 e oltre. Storia di una galleria d’arte: La Galleria Cortina 1962-2013, catalogo mostra, a cura di S. Capolongo, Cortina Arte Edizioni 2013.
http://www.irmabianchi.it/mostra/georges-mathieu-1948-1969